Flagg

il blog di un diversamente sano di mente

Category: Life (Page 1 of 2)

Addio Finestra Azzurra (… – 8-03-2017)

Oggi è stato un triste giorno. Una forte tempesta, che questa notte mi ha anche svegliato, ha fatto crollare uno dei simboli di Malta, o meglio di Gozo: l’Azure Window.Azure Window

Da tempo questo millenario simbolo dell’Unesco era a rischio, ma nessuno avrebbe mai pensato di svegliarsi e non trovarlo più. Prima di tutto perchè non era piccolissimo, in secondo luogo perchè era un simbolo un po’ come lo potrebbe essere la Torre di Pisa, anche se non creato dall’uomo sia chiaro.

Azure Window

Sono riuscito a rivederla due mesi fa, la corrosione era evidente ma tutti speravano che crollasse il ponte e rimanesse la roccia principale. E invece i quasi trenta metri di limestone sono caracollati come un gigante nei flutti dei mare.

Azure Window

Azure Window

Che sia anche questo un segno?

Il-qalb tal-bniedem bosk.

Tempo di riflessioni, dopo 8 mesi in terra maltese (7 mesi,4 settimane,1 giorno = 244 giorni).
Vivere in terra straniera è cosa ben diversa rispetto alla semplice visita turistica, potrebbe essere una velata banalità ma non lo è.
Giorno dopo giorno, appena tutto ciò che era novità diventa routine ed esperienza inizi a percepire ancor di più l’essenza della cultura locale. Molte delle prime impressioni non sono cambiate, anzi si sono rafforzate. E non c’è stato un singolo giorno in cui abbia cambiato idea su quello che avevo deciso fin dall’inizio. 

L’inverno ha poi dimostrato un trend inglese (leggi pioggia costante per due mesi) che mi ha lasciato veramente deluso.

C’è di buono che, durante l’inverno, soprattutto la sera, si apprezza un silenzio surreale.

Prigione di Socrate

La prigione di Socrate

Spazio e tempo si confondono quando sei in trasferta durante un espatrio. Vivere in un hotel a cinque stelle, per quanto possa sembrare comodo dopo un po’ ti fa sentire in una specie di prigione dorata. La mattina hai una ricca colazione, hai una palestra a tua disposizione, vai e vieni dall’ufficio in taxi ma non puoi fare molte cose. Prigione di Socrate

  • Non puoi dormire quanto vuoi anche nel weekend, perché’ il room service deve fare il suo dovere.
  • Non puoi cucinare nulla, puoi solo portarti in camera cose già’ cotte.
  • Se scatta un allarme (come e’ successo ora) non sai se devi scendere alla reception, se aspettare che smetta di suonare o se chiamare il centralino.
  • Alla televisione puoi solo vedere programmi in lingua locale o per fortuna in inglese.
  • Incontri innumerevoli volti che magari non vedrai più’ in vita tua.

Sotto al Partenone c’e’ un parco con all’interno una grotta dove fu imprigionato Socrate e dove si narra abbia bevuto la cicuta.

Prigione di Socrate Prigione di Socrate Prigione di Socrate

Soundtrack: Sadness is a blessing – Lykke Li , Too many friends – Placebo,  

Jose the barber

Un sabato mattina qualunque, un caldo opprimente ma ancora sopportabile e la necessità di una spuntatina mi portano nei pressi della zona dove di solito faccio la spesa (circa 10 minuti a piedi) e vicino al supermercato in Triq Manwel Dimech, una delle vie più ricche di negozi non-per-turisti a Sliema, incontro sulla porta della sua attività il buon Jose.

Di primo acchito il pregiudizio me lo farebbe descrivere come uno di quei soggetti che alla mattina in Italia si prende un bianchino a colazione: abbastanza emaciato, sulla cinquantina e dal parlare abbastanza lento. In generale molto diverso dallo standard maltese.

Mi fa accomodare, e dopo una breve telefonata mi chiede di poter essere pagato prima perchè deve del denaro a qualcuno (ha bofonchiato qualcosa ma giuro non ho capito). E mi lascia nel locale vuoto per circa 7-10 minuti.

Quando iniziavo a temere di essere stato raggirato torna col resto e inizia a tagliarmi i capelli.

Parliamo parecchio mi chiede informazioni e mi racconta di come abbia girato il mondo: Londra dove studio’ hairdressing, Milano, Roma dove visse e lavorò ed infine New York dove visse a lungo ed ebbe da quel che ho capito una famiglia. Accenna al fatto che sua figlia, per metà americana, sia ora li.

Dice che i ricchi americani, parla di “good money” vengono spesso a Malta a spendere. Dice che il denaro non e’ tutto. Io azzardo un banalissimo “se non c’è la salute col denaro ci fai poco”. Ma lui aggiunge che la cosa più importante è l’equilibrio (balance).

Dopo pochi attimi due ragazze entrano nel locale, una bionda molto carina e ricca di tatuaggi si avvicina a Jose e accenna al fatto che deve tagliarsi i capelli.

Jose non me la presenta ma molto probabilmente era la figlia, da quel momento in poi ha smesso di parlare fino a che non me ne sono andato.

Tre giovani filippine

Dopo le prime settimane nel nuovo appartamento ho iniziato a cercare quale fosse il percorso migliore per raggiungere l’ufficio. In generale quando alle 8 di mattina ci sono 30 gradi il percorso migliore non corrisponde a quello più breve

Di quando in quando ho incontrato tre ragazze dai lineamenti orientali e dalla statura minuta, potrei azzardare che siano filippine da qualche parola che ho sentito dire da loro.

Dopo il primo mese in cui ho consolidato la mia rotta giornaliera ho iniziato ad incontrarle praticamente ogni giorno. La cosa particolare è che in posso anche ritardare di una decina di minuti il mio tragitto che comunque o all’andata o al ritorno le incontro.

Another Story

C’era una volta, c’era una volta, c’era una volta… Non saprei che titolo dare alla nuova o vecchia storia… “Storie dalla Sala Macchine” è stato già usato, idem “Amo il web, non ricambiato”… Magari troverò un titolo mentre scrivo, in ordine sparso, alcune delle mie rocambolesche avventure…. laddovè ebbi esperienza. Trovato… What I loved

Ah ultima cosa… ci ho provato a migrare il blog ad una tecnologia più recente, più elastica ma…

  • Bolt CMS era la scelta più semplice (Pivot->PivotX->Bolt) ma Altervista non ne vuole sapere di farlo funzionare.
  • Grav CMS, caruccio ma mi ha dato simili problemi a Bolt, quindi per ora nulla.
  • Migrare il blog ad un altro hosting? Ho trovato veramente pratico Hostinger, ma il migrare tutti i post (cosa che comunque non sembra essere supportata da nessun CMS Flatless) per ora non mi va

Quindi … ho rollbackato il backup dei primi di Luglio e salut.

Sick Leave after surgery

Dopo lunghissimissima attesa (circa sei mesi) ho superato l’intervento chirurgico per la ricostruzione del legamento crociato anteriore (rottomisi a Maggio 2015).

La quantità di dettagli che avevo raccolto pre intervento non sono stati sufficienti, il decorso post operatorio (il rehab) oltre ad essere soggettivo fisiologicamente, lo è anche in termini pratico-logistici. Su questi mi soffermerò perchè ritengo hanno un minimo di utilità per tutti coloro che debbano ricostruirsi un LCA e non vogliano rompere l’anima al prossimo.

Sulla parte più strettamente fisiologica (con un nuovo capitolo della saga The Fatty Code) scriverò in un secondo momento.

Punti da affrontare appena si esce dall’ospedale e si hanno in mano le stampelle:

  • camminare
  • salire e scendere le scale
  • andare in bagno
  • salire su una automobile (doloroso ma fattibile)
  • cucinare
  • farsi le punture da soli (attualmente in progress)
  • vestirsi da soli
  • vestirsi da soli advanced (attualmente in progress)
  • implicazioni 

Diario di … vari giorni di Aprile

Un giorno il portatile decide di non riavviarsi. E vabbeh dirai tu, caro lettore, per un laptop di 3 anni è normale. Beh io direi che si ci può anche stare, ma quando ti trovi ad avere la necessità di un pc per lavoro di sera sono cazzi amari.

Priorità 1: fare backup perchè poteva essere il disco fisso ad essere andato. Fare backup di TANTA ROBBA (foto in primis) su un disco usb in modo da salvare  tutto il possibile

Priorità 2: ripristinare il sistema. Allora qua è venuto in un primo momento ho provato il ripristino di Windows che non mi ha portato a nulla di buono. E’ stato propizio però il ripristino di Packard Bell che mi ha restaurato la macchina con una specie di factory reset preso dalla partizione nascosta.

Priorità X: questa è stato un bonus. Vedere Game of Thrones, prima del ripristino. Ed è qui che ho scoperto tante cose belle. Intanto ho dovuto utilizzare una Bakctrack Live (la 5), con questa mi sono connesso al WiFi ed ho aggiornato Firefox, per poi scaricare Vlc. Vlc però non parte se sei root (il che è alquanto bizzarro).

Per farlo partire come root bisogna editare l’eseguibile con un editor esadecimale e cambiare una stringa interna…

Varie:

Picasa per Windows (per Linux non esiste più) salva i filtri applicati alle immagini nel file .picasa (ricordarselo sempre)

Backtrack non esiste più, ora si chiama Kali

Lo scriptino che ho usato ogni volta che riavviavo la Backtrack 5

#!/bin/bash
#set keyb
setxkbmap it

#update ff
mv /opt/firefox /opt/firefox_old
tar xvf firefox-28.0.tar
mv firefox /opt/firefox

#run ff
firefox &

Si chiude un altro anno del Dragone

L’anno scorso ultimavo un trasloco. Quest’anno ne ho fatto un altro, cambiando parecchie cose della mia vita (casa, lavoro ed in parte anche mentalità).

Come già ho scritto da qualche parte, ritengo e sento come un lungo ciclo si sia chiuso ed un altro stia iniziando. Quest’anno è stato molto particolare, mi ha stupito per varie ragioni ed avvenimenti: persone che ho conosciuto, nuove amicizie e vecchie conoscenze ritrovate. Mi ha dato anche l’occasione di riflettere su tante cose. E’ come se negli ultimi 8-9 anni avessi accumulato risorse e ora abbia intenzione di investirle, elaborarle, estenderle ad altri.

Da un caos oscuro, da un abisso senza fondo vedo solo ora crescere alcuni pilastri sui cui realizzare qualcosa di definito.

A Luglio salutavo molti amici e anche qualcosa di più. Pensavo che fossero addii in alcuni casi. Il sesto senso mi diceva che non sarebbe stato così ed in effetti non è stato così.

Per il nuovo anno e per il nuovo decennio cosa darsi come direttiva?

  • Coltivare le risorse raccolte negli anni e apprezzare al meglio le poche gemme preziose che ho trovato
  • Ponderare meglio le decisioni prese in fretta, valutare al meglio i rischi (essere meno scavezzacollo)
  • Essere un po’ meno pigri, cercare nuove attività ma soprattutto esplorare e studiare al meglio quelle conosciute
  • Cercare di trasmettere quello che ritengo sia da trasmettere

PS non smettete mai di sognare

Rielaborare l’autocompiacimento

E’ buffo come a volte, alcune foto debbano come il buon vino essere apprezzate col tempo. Le foto che feci a Lara in studio ne hanno richesto parecchio, sia perchè non avevo avuto la sua liberatoria sia perchè dovevo avere tempo per rifletterci.

Altra cosa strana è che sono riuscito a ottenere qualcosa di buono da un backstage, cosa che non ritenevo possibile.

Mi ha fatto piacere, e me ne sono accorto solo recentemente, che la stessa Lara, abbia usato una mia foto nella sua homepage e da poco anche su Facebook (sono anche tra i pochi ritratti che abbia fatto e che mi piacciano).

In fine ho finalmente scelto una prima versione di watermark/frima da schiaffare sulle foto. Lo ammetto mi sono ispirato ad alcuni amici/amiche che su questo sono molto bravi. Ma non è stato lo stesso facile, sono due anni che ci studiavo sopra…

Page 1 of 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén