Sottotitolo

Seiryoku-Zenyo:  ovvero massima resa, minor energia sprecata uno-dei-motivi-cui-so-tante-cose

Dalla semplice volontà di creare una app che mostri una immagine e faccia sentire una canzone (IDEA moooolto banale).
Ma poi vuoi realizzarla per Android (per il momento, anche perchè non saprei come testarla su un dispositivo IOS).
E poi la vuoi realizzare in Python (con Kivy).
E poi vuoi proprio una app, un apk e magari anche firmato.
E poi scopri che per creare un apk con buildozer, Windows ti è inutile e ti serve obbligatoriamente una macchina virtuale, che trovi già pronta in rete ma solo a 64bit e quindi non la puoi usare.

Allora ti crei una bella Ubuntu pulita, ci installi quello che sembra essere necessario e:
riesci a compilare il primo APK con buildozer (un mostro di Frankenstein, che compila Java a partire da Python e ti sputa come minimo 6 MB di APK, anche per un Hello World).

L’APK funziona e riesci a caricarlo sullo smartphone e parte anche. Ma poi dicevi di volere l’audio e al file di configurazione di buildozer aggiungi una solo stringa e tutto il mondo scoppia.
Perchè ffmpeg ha le sue maledizioni…
Fattostà che ad un certo punto non compila più niente, si spacca tutto. Provi a rimuovere Python da Ubuntu (NON LO FATE MAI) ed a reinstallarlo.
Dopo parecchie altre maledizioni riprende a compilare APK, ma per l’audio ancora ciccia.
Poi cerchi nei newsgroup e aggiungendo altri pacchetti riesci ad aggiungere il supporto a ffmpeg MA NON FA PARTIRE GLI MP3.
Allora converti ad OGG VORBIS ma ancora nulla…
Alla fine devi coercitivamente forzare le estensioni di tutti i file multimediali che ti servono MA SOPRATTUTTO LE STESSE CARTELLE CHE LI CONTENGONO!
E la app parte e fa la canzoncina che volevi e mostra lo sfondo che volevi.
La macchina virtuale la ho salvata e la iberno anche nel frigo.

Si ringrazia CatLog per l’aiuto…