Si chiude un altro anno del Dragone

L'anno scorso ultimavo un trasloco. Quest'anno ne ho fatto un altro, cambiando parecchie cose della mia vita (casa, lavoro ed in parte anche mentalità).

Come già ho scritto da qualche parte, ritengo e sento come un lungo ciclo si sia chiuso ed un altro stia iniziando. Quest'anno è stato molto particolare, mi ha stupito per varie ragioni ed avvenimenti: persone che ho conosciuto, nuove amicizie e vecchie conoscenze ritrovate. Mi ha dato anche l'occasione di riflettere su tante cose. E' come se negli ultimi 8-9 anni avessi accumulato risorse e ora abbia intenzione di investirle, elaborarle, estenderle ad altri.

Continua...

Tre commenti  •  Entropie, Living on my own, Ricordi  •   • 

Cose che ti colpiscono

27-02-2012

Una ragazza che piangendo seduta sull'asfalto chiede cosa sia successo. Dietro di lei un motorino rovesciato a terra. Dietro il motorino un corpo supino non si muove.

Una donna vecchia e obesa che dopo un pranzo luculliano, preso il dolce si inietta con tranquillità una dose di insulina in un braccio.

Bambini che si avventano come un'orda di zombie su di una pentolaccia rotta, caduta nel letame.

update:

un bambino che con estrema umiltà chiede scusa per la strada, senza avere colpa (versava dell'acqua per terra ma non mi aveva minimamente bagnato)

Un commento  •  Entropie, Ricordi  •   • 

Il tempo passa, la gente fa cose diverse

Ho partecipato all'inaugurazione di un nuovo studio fotografico, fondato da ragazzi molto capaci che facevano parte di un altro studio, dove seguivo corsi in passato. Dove ho imparato molto.

Il titolo del post sta proprio a voler dire che ognuno di noi ha una particolare visione del mondo, del lavoro, delle relazioni con gli altri e appunto anche dell'arte. Se tutti ci conformassimo ad un unico pensiero, se non credessimo in noi stessi se, metti pure, non volessimo rischiare, tutto sarebbe piatto, noioso e triste.

In cinese il termine crisi ha a volte viene associato erroneamente ad opportunità. In alcuni casi ritengo sia corretto collegare i due concetti.

Un grosso in bocca al lupo allo Studio Cairoli 8!

Nessun commento  •  Entropie, Fotografia, Ricordi  •   • 

Una camera da letto vuota, piume per terra e scatoloni ovunque.

Dieci mesi in una casa non propriamente tua, abitudini che cambiano per forza e un futuro veramente incerto.

Quante riflessioni questo capodanno, un bilancio che pare uno zodiaco cinese: 12 anni. Alcuni volati alcuni no. Anni tristi ? Anni sfortunati? Tutte cazzate, gli anni sono tutti uguali. C'è chi nasce, c'è chi muore, c'è chi parte e c'è chi non partirà mai. C'è che si lamenta sempre e c'è chi non migliorerà mai.

Continua...

Dodici commenti  •  Entropie, Living on my own, Ricordi  •   • 

Fennel Fair

Oggi sono andato a trovare un amico. Un amico che per colpa di un "brutto male" se ne è andato in meno di un anno.
Una delle persone più intelligenti e astute che abbia mai conosciuto.

Una persona che mi ha insegnato molto: sia in ambito lavorativo sia sul come capire meglio le persone.

Quando manca qualcuno di così vicino la prime cose che ti vengono in mente sono: "dovevo accettare quell'invito", "potevo fare qualcosa di più?". Il rimorso più grande è non aver potuto fare qualcosa quando ce ne era veramente bisogno, e non mi riferisco alla sua malattia. Per quella purtroppo ancora non esiste una cura o una paliativo che sia.

Alcuni dimenticano, alcuni fanno finta di dimenticare. Io no.

E un giorno, dovesse essere una delle ultime cose che faccio in vita, avremo la nostra vendetta.

Un commento  •  Ricordi  •   • 

Pallina

Continua...

Un commento  •  Ricordi  •   • 

un 2006 da dimenticare?

Oggi è stata una giornata schifosa. Compatisco coloro che sono nati il 9 novembre,sorry.

Sicuramente la peggior giornata dell'anno, il bello è che pensavo sarebbe stato un buon'anno, mentre si è rilevato essere una merda forse anche peggiore del solito.

Non riesco più a gestire la perdita di qualcuno in modo saggio / sensato / maturo, l'unica cosa che posso fare e lasciare il ricordo nell'oblio, sperando che col tempo il dolore svanisca.

E con qualcuno intendo anche animali. La tristezza altrimenti diventa solo rabbia.

Mitzi questa sera è mancato, e a differenza di Lillo, suo nipote, che si è spento pian piano, è stato colto da un malore, come se fosse un cristiano. Non pensavo che un gatto potesse morire di infarto, e soprattutto non pensavo in un tempo così rapido.

Il grande micione buono che "parlava da lontano"  non è più con me, non è più in questa casa. Se ogni tanto ancora immagino di vedere Lillo con la coda dell'occhio, adesso penso che saranno due le presenze che avvertirò ogni tanto stando seduto alla scrivania. Addio gatto col nasone.

Sei commenti  •  Ricordi  •   • 

Lillo

Un animale domestico, dopo anni di convivenza nella stessa casa diventa parte integrante di una famiglia.

Lillo ha trascorso con me forse i 12 anni più difficili della mia vita, quelli dell'adolescenza. Da piccolo scricciolo di pelo (quando aveva pochi mesi sembrava più uno scoiattolo che un gatto) è arrivato ad essere uno dei gatti più belli che abbia mai visto, e che forse vedrò nella mia vita.

Ci ho giocato e litigato spesso, molte volte è stato messo in castigo per qualche cattiveria verso i suoi amici gatti.

Continua...

Tre commenti  •  Ricordi  •   •